Connect with us

L'Editoriale

Fatevene una ragione: criticare è un dovere

Tutti vogliamo la salvezza del Pistoia Basket, ma questo non significa che giornalisti e appassionati non possano muovere delle considerazioni sull’andamento delle cose. E coach Ramagli deve accettarlo

Il primo editoriale del nuovo anno non poteva che essere dedicato al Pistoia Basket e al delicatissimo momento che sta attraversando il club biancorosso. Ultima piazza in classifica, 3-10 il record vittorie-sconfitte, seconda peggior difesa del campionato (dietro di una spanna a Pesaro che però bilancia con il settimo attacco della Lega) con oltre 90 punti a partita subiti in media, penultimo posto nel rapporto assist/palle perse. Nel mezzo una scelta estiva sconfessata in corso d’opera con il passaggio dal 5+5 al 6+6 e l’ingaggio di Mickell Gladness e diversi problemi davanti agli occhi di tutti come la difficile convivenza dei due Johnson (o il rendimento al di sotto delle attese da parte di entrambi, se preferite), gli alti e i bassi di Patrik Auda e soprattutto un atteggiamento di squadra che spesso non è stato esattamente quello che tutti si aspetterebbero da un team che vuole salvarsi, per usare un eufemismo.

Perché alla fine, di partite vinte da “squadra salvezza”, c’è stata solo quella interna con Brescia. Con una difesa che ha tenuto gli avversari a 70 punti, unica volta sotto una quota per cui la OriOra possa ragionevolmente pensare di poter vincere in considerazione di un attacco che produce 78.8 punti a partita (dato da sottostimare al ribasso al netto dei numerosi garbage time). L’altra partita in cui il Pistoia Basket è tornato negli spogliatoi con meno di 80 punti è stata quella persa in casa con Trento, un match che al di là della sconfitta si è avvicinato molto al grado d’intensità giusto per poter combinare qualcosa di buono. Per il resto diverse scoppole interne ed esterne (Trieste e Cantù come picchi più bassi) occasioni perse (Pesaro e Torino) e due vittorie atipiche come quelle con Sassari (irripetibile nelle sue modalità) e Reggio Emilia (pescata forse nella giornata più nefasta dell’intera stagione).

In questo quadro poco rassicurante, da più parti si cerca di fare passare il messaggio che chi critica, pubblico o stampa che sia, remi contro. Veramente incomprensibile. Perché gli appunti mossi (ragionati e argomentati, s’intende), che poi spesso altro non sono che semplici richieste di chiarimenti, sono d’obbligo. E da nessuna parte del mondo, pur con tutte le attenuanti del caso, si è vista una squadra ultima in classifica non criticata. In questo coach Ramagli e gli strenui difensori del timoniere livornese dovranno farsene una ragione: è lecito e doveroso che vengano chiesti lumi sul rendimento dei due giocatori più costosi del roster; esplorare e ponderare eventuali cambiamenti; interrogarsi sul perché, dopo 5 mesi di lavoro in gruppo, questa squadra non riesca a difendere come si converrebbe a un gruppo che proprio sulla difesa dovrebbe provare a costruire le sue fortune; chiedersi perché spesso e volentieri manchi la “garra” giusta.

La retorica della grande famiglia, per quanto in linea di massima giusta, declinata in maniera totalizzante lascia il tempo che trova: tutti vogliamo che la squadra si salvi, ma il dovere del giornalista è dire sempre le cose come stanno e diritto del tifoso (possibilmente pagante, perché qualcuno ha perso la via del PalaCarrara ma non quella dei social) è esprimere il proprio pensiero. E sinceramente quello pistoiese appare tutto fuorché un’ambiente dove non si può lavorare con serenità: i media pungono il minimo indispensabile, la città è sempre tranquilla e le rimostranze dei supporter sono appunto confinate all’etere e a qualche fischio al palazzo. Davvero Alessandro Ramagli non ha trovato ambienti peggiori nella sua pluriennale esperienza da allenatore? Perché altrimenti ci viene da pensare che al cinema qualche domenica ci sia andato lui, anziché il pubblico di fede biancorossa.

Non si tratta di pretendere la luna: (quasi) tutti gli sportivi biancorossi sanno che prima o poi ci sarà da fare i conti con una retrocessione. Semplicemente perché la Serie A1 è sempre più ricca e il Pistoia Basket è palesemente un pesce fuor d’acqua. E se la stagione buona, se così si può dire, sarà questa, dubitiamo che qualcuno verrà fucilato in Piazza del Duomo in quanto “colpevole”. Ma è lecito e doveroso chiedere di sparare, questa volta sì, tutte le cartucce a disposizione per tentare l’ennesima impresa. Di pretendere un addio, se addio dovrà essere, a testa alta e senza rimpianti. E soprattutto di vedere una squadra che lotta con le unghie e con i denti su ogni singolo pallone di ogni singolo possesso dal primo al quarantesimo. Se poi gli altri risulteranno più forti, pazienza. Quel che conta è poter tornare ad affermare con forza e orgoglio che “A Pistoia non puoi vincere, al massimo puoi segnare più noi”. A partire da domenica prossima con Varese.

  • 95
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Orgogliosamente pistoiese, da piccolo cade dal seggiolone diventando tifoso della Lazio. Giornalista dalla maggiore età, lavora per Gazzetta dello Sport, Tvl, Il Tirreno e ovviamente Pistoia Sport, masticando anche social e strategie digitali. Scrive in direzione ostinata e contraria, con sincera simpatia per chi parte dalle retrovie.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − quattordici =

Sponsor

Magazine

Eventi

Tuscany Open 2019, al Palaterme un grande evento con ospiti internazionali

 Il 19 e 20 gennaio il Palaterme di Montecatini sarà addobbato a festa per il Tuscany Open, evento internazionale di...

Impianti

Ponte Buggianese: ancora senza omologazione il ciclodromo

Sono passati 5 anni dall’inizio dei lavori del ciclodromo e quasi un anno dalla sua inaugurazione ma ancora la Federazione...

Basket / Minors

Pallacanestro Agliana 2000 con One Love Onlus

La Pallacanestro Agliana 2000 continua a lavorare al fianco di One Love, onlus attiva nel campo del volontariato in Africa e India....

Basket / Serie A

Pistoia Basket, i voti al giro di boa

Le pagelle alla fine del girone d’andata di Serie A non possono essere molto positive per il Pistoia Basket: rimandati...

Calcio / Serie C

Pistoiese, Curva Nord: trasferta a Lucca in pullman

A causa dello sciopero dei treni, i tifosi arancioni si muoveranno su gomma per raggiungere il Porta Elisa ed assistere...

Basket / Giovanile

Violenza nel basket giovanile: succede al PalaBorrelli di Pescia

In tre, fra cui un diciassettenne di Pescia, finiscono al pronto soccorso dell’ospedale per una rissa al termine di una...

Calcio / Serie C

Calcio, arriva il Subbuteo anche per le squadre di Lega Pro

Anche il campionato di Lega Pro si fa “piccolo”: domenica 13 gennaio al Museo del Calcio di Coverciano si gioca...

Cronaca

Pistoia, firmata la convenzione per la realizzazione della banda ultra larga

Pistoia rientra tra tutti i comuni toscani per i quali è prevista la realizzazione dei lavori di diffusione della banda...

Gli ex

Da Bobby Jones a Cortese: il bilancio degli ex Pistoia Basket di A2

Nell’ultimo weekend si è chiuso il girone d’andata del campionato di Serie A2. Bobby Jones dominante con la maglia di...

Basket / Serie A

La Baraonda Biancorossa alza la voce

Silenzio e diversi striscioni polemici hanno accompagnato i primi 5 minuti della sfida tra Pistoia Basket e Varese: la Baraonda...

Seguici su Facebook

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com