Mercoledì, 18 Luglio 2018

Venerdì, 07 Luglio 2017 16:34

Karate, argento europeo nel kata per Serena Tempestini

di 

Secondo posto in Croazia dietro alla campionessa continentale categoria cadetti. La prova costituiva una tappa importante per la corsa alle Olimpiadi giovanili del 2018 in Argentina

Serena Tampestini Serena Tampestini

Grande prova di Serena Tempestini in Coppa del Mondo: ad Umag in Croazia, nella prova valevole per le qualificazioni alle olimpiadi giovanili del 2018 in Argentina, la karateka del Ninja Club ha dato spettacolo conquistando l'argento nella specialità del kata categoria cadette, seconda solo alla campionessa europea Anna Shcherbina.

La monsummanese ha affrontato la gara con grande determinazione e concentrazione, eliminando tutte le avversarie della sua poule: per Serbia, Norvegia, Guatemala e per l'italiana Matilde Galassi non c'è stato niente da fare di fronte alle perfette esecuzioni delle tecniche di attacco e parata che la studentessa monsummanese ha sciorinato sul tatami croato. Il suo stile è lo Shito Ryu e Serena lo interpreta mettendo in risalto la sua esplosività e la pulizia delle sue tecniche.

"Ho dato il tutto per tutto ad ogni incontro puntando a passare i turni - ha dichiarato- in finale sono arrivata con un kata che non avevo provato tanto in allenamento ma sono comunque riuscita a togliere una bandierina alla russa campionessa Europea".

Letto 963 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)