Sabato, 20 Ottobre 2018

Mercoledì, 07 Febbraio 2018 19:29

Patrick Prader saluta il Tennis Club Pistoia e la città

di 

Dopo 10 anni il tennista altoatesino dice addio a Pistoia, ormai sua seconda casa: non parteciperà al prossimo campionato di Serie A2 con il Tc di Via delle Olimpiadi

Patrick Prader saluta il Tennis Club Pistoia e la città

Ci sarà un’importante novità per quanto riguarda la formazione di serie A2 del T.C. Pistoia della stagione 2018: Patrick Prader non farà parte della rosa. L’altoatesino lascerà Pistoia dopo 11 stagioni consecutive in cui ha gareggiato nei due massimi campionati a livello nazionale, compiendo così una scelta inevitabile sia a livello lavorativo che a livello famigliare. Arrivato a Pistoia solamente ventiduenne nella stagione 2008 per affrontare uno dei primi campionati di serie A2 disputati dal club di via delle olimpiadi, il bolzanino ha poi messo le radici al circolo tanto da meritarsi l’appellativo di “pistoiese d’adozione”.

LA STORIA Ricordiamo che Prader, nei primi due anni del suo percorso nel club toscano, ha risieduto stabilmente a Pistoia facendone la base fissa dei suoi allenamenti. Stagioni intense in cui Patrick è riuscito a raggiungere il suo best ranking di 714 Atp e a portarsi a casa un titolo internazionale nel torneo Future di Bassano del Grappa. Per quanto riguarda il cammino a squadre, il dato più significativo è uno: se non si considera la stagione di serie A1 appena trascorsa (in cui Prader è stato costretto dall’attuale regolamento ad un turnover forzato con gli altri compagni), il tennista di Bolzano nelle sue dieci stagioni in maglia pistoiese non ha saltato nemmeno un incontro. Mille sono state le battaglie portate a termine dall’altoatesino sui campi di via delle olimpiadi. Impossibile non ricordare gli scalpi degli ex top 200 Mattwe Middelkoop e Leonardo Azzaro, ma anche i bei duelli non andati a buon fine contro avversari del calibro di Marc Lopez e Flavio Cipolla. Ultimo ricordo, probabilmente il più fresco, è quello del match con cui Prader ha regalato la terza promozione in serie A1 (in tutte e tre le occasioni Patrick era uno dei titolarissimi della rosa pistoiese) al Tennis Club Pistoia, sconfiggendo il brasiliano Thiago Lopes sui campi dell’Angiulli Bari. In un ambiente a dir poco “caldo”, Patrick è riuscito a rimontare nel terzo set da 3-5 per poi vincere il parziale per 7 giochi a 5, spianando la strada per uno dei successi più indimenticabili della formazione del presidente Luigi Brunetti.

BRUNETTI Proprio Luigi Brunetti, ha così commentato l’addio di Prader: “Patrick è uno dei quei ragazzi ai quali non si può non voler bene. In 11 stagioni a Pistoia, indipendentemente dai grandi risultati conseguiti da lui e dalla squadra, ciò che non è mai mancato da parte sua sono stati l’impegno e la professionalità. Gli auguro di riuscire a togliersi le più grandi soddisfazioni possibili in ambito professionale”. Prader, che già da anni lavora come insegnante di tennis, risiede ormai da tempo a Merano, dove svolge a tempo pieno la sua attività e nel prossimo anno parteciperà al campionato di serie A2 con la squadra del C.T. Trento. Il club di via delle olimpiadi perde così quello che è stato per molte stagioni uno dei suoi elementi più saldi ed affidabili e che resterà sicuramente difficile da dimenticare per tutti gli appassionati di tennis pistoiesi.

Letto 712 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)