Giovedì, 17 Agosto 2017


Testata giornalistica n. 4 iscritta al tribunale di Pistoia il 20/04/2012

Domenica, 30 Luglio 2017 10:44

Giostra del Basket: Leone per la prima volta in finale, lo attende il Grifone

di 

Il racconto delle due semifinali di sabato 29 luglio sul playground di Piazza Duomo. Ecco chi si sfiderà per la finalissima del Palio dei rioni di basket.

PALIO DEI RIONI, SECONDA SEMIFINALE: DRAGO - LEON D'ORO 50-62

Sabato 29 luglio è una serata che i ragazzi del Leone difficilmente scorderanno. Nonostante i nomi altisonanti del quintetto di Emiliano Ribeiro, i giallorossi hanno conquistato una storica finale - la prima da quando il Palio dei rioni di basket è tornato in auge - riuscendo a sconfiggere la propria bestia nera, capace di eliminarli al primo turno quattro volte in cinque anni. Una partita più contratta della precedente, che sembrava scontata dopo poche battute e che invece la compagine di porta San Marco ha rimesso in piedi con una difesa a zona davvero ben organizzata. Nel momento clou, il Leone - che poco prima della palla a due aveva festeggiato Niccolò Tesi, ancora re indiscusso del Three point contest - è rimasto unito e ha spezzato in contropiede le speranze del Drago di conquistare il terzo palio consecutivo. Un 50-62 finale che ha fatto esplodere di gioia la panchina giallorossa, che contro il Grifone ha un'occasione da non buttare: vincere la sua prima Giostra del Basket.

CRONACA


Drago: Della Rosa, Giannini, Vettori, Spampani, Marconato.

Leone: Bruni, Tesi, Piperno, Cipriani, Zerini.

Dopo 1'20" di gioco Marconato imbuca bene l'ex compagno a Bottegone Giannini e le danze sono ufficialmente aperte. I più ispirati sono Della Rosa e Spampani, che in avvio guidano porta Carratica al 10-4,  con coach Francesco Abbri costretto al minuto. Presto arriva la doppia cifra di vantaggio (14-4) e a fine primo quarto si fa in salita per il Leone: 17-8.

Nicola Bruni e compagni si barricano a zona, Ngjela colpisce dall'angolo ma Spampani rimpolpa il vantaggio dei suoi, adesso di 11 lunghezze (21-10). Un importante break giallorosso vale il 23-19, con bella zampata di Piperno e Ribeiro è costretto a inserire Marconato e Giannini per non rischiare il sorpasso. Serve a poco perché a 5" dall'intervallo regna l'equilibrio (26-23)

Con un quintetto titolare che non farebbe fatica in serie C, il Drago riprova la fuga (30-25), ma gli avversari tengono bene il campo e al 24' sono ancora alle costole della squadra più vincente della manifestazione. Cinque punti filati di Tesi ribaltano il match e portano i giallorossi per la prima volta alla guida. Lanzini pareggia ma porta San Marco rimane avanti di misura fino al 28'. Sul finale di terza frazione è il Drago a essere più concreto e se Zerini spreca da sotto, Giannini scrive il 38-36. Le emozioni non sono comunque esaurite e in 46" Bruni e Zerini confezionano l'ennesimo contro-sorpasso (39-41).

I campioni in carica segnano 3 punti in cinque minuti e anche se il Leone fa poco meglio (6), è sufficiente  per condurre le danze di 1/2 possessi. A 4' dal termine è 44-49, Lanzini e Bruni si compensano dalla lunetta (2/2) e per accorciare il Drago ha bisogno della bomba di Spampani (49-51). Sarà l'ultima fiammata rossoverde perché Cipriani prima e Tesi poi, firmano lo strappo che segna le sorti della seconda semifinale, portando il Leone sul +7. Il Drago non è d'accordo con qualche fischio arbitrale e una girandola di falli tecnici e tiri liberi allunga il divario.

 

TABELLINO

Drago:Gangale, Della Rosa 4, Giannini 15, Vettori A. 3, Lanzini 4, Mati 2, Vettori L. 2, Spampani 15, Marconato 5, Ciantelli. Coach Ribeiro.

Leone: Tesi 18, Gai 2, Livi 2, Bruni 9, Piperno 6, Cipriani 11, Ngjela 8, Zerini 6. Coach Abbri.

Parziali: 17-8, 26-23, 39-41.

Arbitri: Buoncristiani Andrea, Mattiello Marco.

PALIO DEI RIONI, PRIMA SEMIFINALE: GRIFONE-CERVO BIANCO 77-72

Nell'attesa che i posti a sedere a ridosso del Tribunale si popolassero, il Grifone di Mario Breschi - che in avvio ha sorpreso tutti schierandosi titolare - ha sconfitto il Cervo Bianco di Pippo Toccafondi, staccando il primo pass dispobile per la finale di domenica 30 luglio. Una gara tutto sommato divertente che è andata avanti a lunghi strappi nel primo tempo ma con una ripresa giocata colpo su colpo. Zita e Bargiacchi si rispondono a suon di canestri, chiudendo rispettivamente con 32 e 31 punti e risultando i migliori marcatori della sfida; per il resto entrambe le squadre trovano qualcosa da tutti gli effettivi.

CRONACA

Grifone: Zita, Breschi, Macigni, Milani, Vitale.

Cervo: Bracali, Ferrari, Chetoni, Evotti, Bargiacchi.

Aprono Macigni e Bargiacchi poi Chetoni e Ferrari confezionano il primo strappo. Il Cervo si inceppa, Zita sembra andare più veloce di tutti e al 4' arriva il contro-sorpasso  (13-7). A interrompere il digiuno del rione di porta Lucchese ci riesce solo Faye ma ormai i biancorossi hanno preso ampio margine di vantaggio (20-11).

Il neo-entrato Morelli bagna la seconda frazione, Faye e Bargiacchi lo seguono a ruota e in un amen il Cervo si fa sentire sul -2. Porta al Borgo rimane avanti grazie a una piccola fase di stallo, poi il match s'infiamma. Bei giochi da una parte e dell'altra ma alla fine Evotti e compagni riescono a grattare solo quattro punti: 34-29.

Campi invertiti, stessi protagonisti con Zita che continua a beffare tutti in penetrazione. A dare una scossa è Bargiacchi, che con due bombe regala il sorpasso ai biancoverdi (37-38). Vitale e Mancini si sfidano a colpi di balistica poi si prosegue a strappi ma sempre in equilibrio.

L'ultimo periodo si apre con il Grifone avanti di due lunghezze, che in un attimo diventano otto (60-42) e costringono l'allenatore in seconda della Endiasfalti Agliana al time-out. Biancorossi tassativamente a zona ma Bargiacchi e Evotti, gli unici due giocatori di C Gold in campo, provano a riaprire la contesa. Zita si arresta per il +8 a 4' dalla fine, il Cervo non approfitta di due perse sanguinose dei rivali ma nonostante questo, a due giri di orologio dalla quarta sirena, tutto è aperto.

Quando Chetoni dà speranza con il canestro del -4 è anche il momento in cui la gara prende la piega finale: Faye si fa fischiare passi, Bargiacchi non insacca la tripla del pareggio e il tempo a disposizone per colmare il vantaggio ospite si esaurisce. Dall'altra parte del campo il play di San Miniato costruisce il canestro della tranquillità di Ganguzza per poi mandare i titoli di coda a cronometro fermo. Gli ultimi due punti li mette Chetoni ma ormai i giochi sono fatti.

TABELLINO

Grifone: Vitale 4, Zita 32, Macigni 9, Manfra 11, Niccolai, Ganguzza 6, Milani 2, Fermo 11, Barneschi, Niccolai, Breschi (Coach) 2.

Cervo: Morelli, Mancini 5, Melani, Ferrari 6, Chetoni 13, Evotti 9, Bracali, Bargiacchi 31, Fanuli, Faye 4, Zagati, Cukaj 2. Coach Toccafondi.

Parziali: 20-11, 34-29, 54-52.

Arbitri: Buoncristiani Andrea, Mattiello Marco.

 

Letto 1197 volte

 

FF Utansili
.
.
.
.

Video Basket

.
.

BASKET - Le ultime

Pistoia Basket, coach Esposito al via: «abbiamo alzato il budget, le altre di più»

Ago 16, 2017 880
Le prime indicazioni di coach Esposito sulla nuova stagione - Ritardo per Kennedy per…

Indice sportività 2017, Pistoia è ancora Basket City

Ago 14, 2017 739
Nella speciale classifica del Sole 24 Ore Pistoia è ancora terza nella specialità della…

Mercato Pistoia Basket in Serie A, il liveblog: Qualls o Hill come ala piccola?

Ago 13, 2017 30914
Trasferimenti, trattative e rumors di basketmercato: tutto sulla The Flexx Pistoia che…

The Flexx Pistoia: gli aggregati al raduno del 16 agosto

Ago 12, 2017 2799
Conto alla rovescia per il via ufficiale della stagione biancorossa, scaldato dall'arrivo…

Serie B Basket, Sirakov vola in Serie A

Ago 12, 2017 401
L'ex talentino della Valentina's Bottegone si sposta a Brindisi, come era accaduto a…
 

 

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)