Mercoledì, 19 Settembre 2018

Venerdì, 12 Gennaio 2018 18:39

Tyrus McGee rientra in Italia nella tarda serata di venerdì 12 gennaio

di 

E' scomparso lo zio materno di Tyrus McGee: la società accorda il permesso ma il rientro slitta e andrà a Brescia senza allenamenti

Tyrus McGee in un momento di concentrazione (Ptsport) Tyrus McGee in un momento di concentrazione (Ptsport)

AGGIORNAMENTO 12 GENNAIO

Purtroppo, come spesso succede quando ci sono di mezzo voli intercontinentali e vari scali, gli imprevisti sono dietro l'angolo ed infatti i programmi di Tyrus McGee e della The Flexx hanno subito una variazione. Il rientro in Italia era previsto per la mattinata di venerdì 12 ma, a causa di alcuni ritardi, il giocatore ha fatto ritorno in Italia soltanto alle 23 di venerdì sera. Una mossa che gli ha fatto saltare del tutto la settimana di allenamenti al PalaCarrara e, con il jetlag ancora nel suo top, McGee farà la rifinitura dei biancorossi sabato 13, al mattino, per poi salire sul pullman in direzione Brescia. Al netto del rientro di Laquintana, di fatto un giocatore che rischia di giocare pochissimo a Brescia sapendo poco o nulla dell'avversario.

AGGIORNAMENTO 9 GENNAIO

Dopo il ko contro Milano, Tyrus McGee è salito sul primo volo destinazione States per raggiungere il resto della sua famiglia chiusa nel dolore per la scomparsa prematura dello zio materno, al quale McGee era particolarmente legato. Come accordato dalla società, il giocatore ha beneficiato di un permesso speciale per andare e tornare nel giro di poche ore negli Stati Uniti. Stando al programma, McGee tornerà a Pistoia venerdì mattina in modo da poter svolgere, seppur con un po' di jet-lag nella testa, l'allenamento di venerdì pomeriggio per poi partire sabato alla volta di Brescia. Ovvio che, quindi, sarà un'altra settimana incompleta per la The Flexx di coach Esposito, purtroppo una consuetudine oramai.

LA SITUAZIONE PRIMA DI MILANO

Oramai si è capito che in questa stagione della The Flexx Pistoia in Serie A 2017/18 può succedere di tutto. A pochi giorni dal match dell'8 gennaio contro l'EA7 Milano c'è da registrare una nuova tegola: è scomparso, prematuramente ed in maniera anche abbastanza improvvisa, lo zio materno di Tyrus McGee.

IL LUTTO Il giocatore della The Flexx in queste ore è profondamente scosso dalla notizia anche perché, da quel che siamo riusciti ad apprendere, McGee era particolarmente legato a questo zio. L'ex Venezia ha chiesto, ed ottenuto da parte della società, un permesso per fare ritorno negli Stati Uniti ma al momento la data del funerale non è ancora stata fissata.

Di sicuro rimane il fatto che Tyrus McGee è in dubbio per la partita contro Milano e la sua presenza è vincolata al giorno di svolgimento del funerale: è vero che in America le procedure sono diverse che in Italia (in genere passano anche 7-10 giorni dal giorno della morte a quello della funzione religiosa) però con la partita in programma lunedì sera tutto rimane molto aleatorio.

Ed è altrettanto evidente che, visibilmente scosso, McGee non si potrà certo allenare in questi giorni con la tranquillità che serve per preparare una partita di Serie A, nella fattispecie quella ai campionissimi di Milano. Qualora McGee dovesse essere regolarmente è poi evidente che, al momento del suo ritorno negli Stati Uniti, diventerebbe problematico un suo utilizzo per la successiva partita del 14 gennaio a Brescia che chiuderà il girone d'andata.

COSI' IL PISTOIA BASKET In una breve nota, la società di via Fermi ha espresso vicinanza al proprio giocatore.

"The Flexx Pistoia Basket 2000 esprime le sue più sentite condoglianze a Tyrus McGee, colpito da un grave lutto familiare. Mercoledì sera è infatti venuto a mancare lo zio materno del giocatore: a tale proposito, la società autorizzerà McGee a fare rientro, nei prossimi giorni, negli Stati Uniti, per partecipare alle esequie".

 

Letto 2593 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)