Mercoledì, 12 Dicembre 2018

Mercoledì, 10 Gennaio 2018 18:35

Bond carica la The Flexx Pistoia: «A Brescia come se fosse decisiva per la salvezza»

di 

A tutto il Pistoia Basket serve maggior mentalità, Jaylen Bond in testa. Il rookie fin qui non ha impressionato: «Lavoro per essere più continuo e aggressivo»

Bond carica la The Flexx Pistoia: «A Brescia come se fosse decisiva per la salvezza»

A dispetto di numeri stagionali tutto sommato positivi (quasi 9 punti di media a gara con 7.4 rimbalzi catturati), a Jaylen Bond come al resto del Pistoia Basket a volte sono gli attributi che sembrano mancare: "Spesso pecchiamo inaggressività ed è un aspetto sul quale stiamo lavorando molto - ammette l'americano - io sono il primo a fare mea culpa, perché dovrei giocare in maniera più energica". E pure domenica contro Brescia, senza la giusta grinta, il rischio di essere spazzati via è concreto: “In questo momento avvertiamo un senso di urgenza perché ovviamente abbiamo la necessità di vincere - spiega - dobbiamo cambiare atteggiamento per invertire la rotta e allontanarsi dall'ultima posizione". E come? "Semplice - afferma - E' necessario che tutta la squadra giochi la gara come se fosse l'ultima".

MINUTI Giusto farlo, anche se per fortuna c'è ancora l'intero girone di ritorno da giocare. Partite buone per riscattarsi a livello di squadra e anche personale, perché i 21 minuti di utilizzo medio sono un dato abbastanza significativo della stagione fin qui altalenante di Bond.  Certo, ogni rookie è una scommessa e le attenuanti non mancano, però dopo metà stagione era lecito aspettarsi un salto di qualità che per il momento non è arrivato, considerando le aspettative che ci sono su un'ala forte Usa in un roster 5+5. E lo stesso Bond ne è consapevole: "Finora ho alternato buone partite e altre molto meno brillanti - concorda - a volte mi accorgo di non essere in serata al tiro e allora mi focalizzo sulla difesa, per aiutare la squadra. Non sono un grande stoppatore e molto spesso cerco di limitare prima l'avversario - conclude - inoltre mi concentro molto sul taglia-fuori perché siamo una squadra forte a rimbalzo. Ma è evidente che devo ancora crescere molto". Buon lavoro, Jaylen. 

 

Letto 1023 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)