Sabato, 20 Ottobre 2018

Martedì, 13 Febbraio 2018 13:49

Pistoia Basket, ora una settimana di vacanza prima del rush finale

di 

Giorni di riposo per la The Flexx: di nuovo in palestra il 19 febbraio, poi amichevoli con Firenze e Montecatini

Tyrus McGee: insieme a Barbon l'unico a rimanere a Pistoia per la sosta (Ptsport) Tyrus McGee: insieme a Barbon l'unico a rimanere a Pistoia per la sosta (Ptsport)

 

Il programma del Pistoia Basket per la lunga e strana pausa che, per la prima volta dopo anni, ferma il campionato per quasi un mese, prevede una settimana di sospensione totale dell'attività per rigettarsi a capofitto nel lavoro nelle due settimane successive.

Ripresa degli allenamenti fissata per lunedì 19 febbraio quando la The Flexx si ritroverà, speriamo al completo con gli acciaccati recuperati, in palestra per una doppia seduta e proseguirà la settimana con due amichevoli con Firenze e Montecatini. Scrimmage per non perdere il ritmo partita e prepararsi al meglio alla difficile gara del 4 marzo quando Pistoia dovrà far veder di aver digerito e superato il tracollo irpino, contro una Varese in super spolvero. 

Il "rompete le righe" per questa settimana ha portato la maggioranza dei giocatori a tornare a casa: unici a scegliere di rimanere a Pistoia sono Tyrus McGee e Cesare Barbon per le cure dei rispettivi infortuni. Entrambi sono da monitorare visto che la lussazione alla spalla del giovane esterno trevigiano è piuttosto brutta e il nuovo dolore al polso operato di McGee mette in apprensione. 

Tutti gli altri sono partiti, dagli italiani a capitan Moore, Ivanov, Diawara e Bond, fermo da una settimana e out ad Avellino per un problema muscolare.  

 

Letto 762 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)