Sabato, 21 Ottobre 2017


Testata giornalistica n. 4 iscritta al tribunale di Pistoia il 20/04/2012
Lunedì, 09 Ottobre 2017 19:18

Il derby fra Candeglia e Lampo: la parola ai protagonisti

di 

La Lampo passa 2-1 sul campo del Candeglia nel primo derby dell'anno: i commenti dagli spogliatoi

Il mister del Candeglia Emiliano Tarabusi (secondo da sx) con la dirigenza giallorossa (Ptsport) Il mister del Candeglia Emiliano Tarabusi (secondo da sx) con la dirigenza giallorossa (Ptsport)

Il primo derby di Pomozione se lo aggiudica la Lampo, corsara sul campo del Candeglia, affossato 2-1. La prima a segnare è proprio la formazione di Lamporecchio, avanti al 7' con Rosta. Il pareggio arriva subito con Niccolai all'8'. Nel secondo tempo i blu chiudono il conto realizzando il penalty con Palazzolo al 73'.

La squadra di Pisciotta si lascia preferire a livello tecnico e sforna decine di palle gol ma pecca di cattiveria, lasciando la partita aperta fino alla fine. Il Candeglia se la gioca per 90' senza darsi per vinta nonostante la minore esperienza nei duelli in campo, rischiando anche di pareggiare nel finale.
Analizziamo il match con i due allenatori.

PISCIOTTA-TARABUSI: LE IMPRESSIONI DAL CAMPO

"Era una partita da chiudere nel primo tempo - esordisce mortificato il mister della Lampo Massimiliano Pisciotta - L'abbiamo tenuta aperta fino alla fine e abbiamo rischiato in più di un'occasione di andare sotto. Siamo una squadra esperta e non possiamo permetterci queste manchevolezze. Stiamo attraversando un periodo particolarmente negativo sotto l'aspetto mentale: ci manca proprio la concretezza per chiudere le partite. Non chiudere i match quando serve è sempre rischioso perché poi rischi di perdere. Spero tanto che questo momento passi in fretta. Siamo sempre bravi a creare occasioni ma falliamo troppo spesso sotto porta. Dobbiamo ancora trovare il giusto equilibrio mentale. La pressione che viviamo certo non ci aiuta, ma siamo tutti ben navigati e questo non dovrebbe portarci preoccupazione."

"Ho grande rammarico - risponde il mister del Candeglia Emiliano Tarabusi - la squadra ci ha creduto fino in fondo e il pareggio è mancato solo per colpa nostra. La Lampo è una squadra molto forte ed esperta, essere riusciti a tenerla li fino in fondo è già un motivo di orgoglio. Purtroppo attraversiamo un momento in cui non siamo bravi a realizzare e facciamo troppi errori che poi paghiamo a caro prezzo. In compenso posso dire che siamo una squadra viva e che se la gioca sempre chiunque siano gli avversari. La squadra ci crede, ma bisogna essere più cattivi. Nel complesso sono fiero dei ragazzi e del loro atteggiamento. Andiamo avanti facendo tesoro di quanto fatto finora portando il sorriso sul volto."

CANDEGLIA-LAMPO: E IL FUTURO?

Una riflessione da parte dei due mister sui prossimi impegni.

"Il prossimo impegno sarà con la Pontremolese - riferisce mister Tarabusi - Come sempre andiamo per giocarcela senza paura. Il campionato è livellato e non ci sono squadre troppo forti: ce la giochiamo. Dobbiamo crederci fino alla fine come con la Lampo."

"Adesso ci aspetta il Calenzano in casa - dice mister Pisciotta - Loro sono una squadra tosta e di categoria. In questi anni hanno cambiato poco e si sono ben consolidati. Ci sarà da soffrire come sempre. Il campionato è equilibrato ed ogni partita è difficile. Noi dobbiamo pensare a noi stessi e alle nostre difficoltà: se riusciamo a concretizzare di più siamo tra le più forti del raggruppamento."

 

Letto 544 volte

CLASSIFICA PROMOZIONE

Squadra
PF
1 Vorno 13
2 Real Cerretese 10
3 Lampo 9
4 Villa Basilica 8
5 Camaiore 8
6 Lammari 8
7 Pietrasanta Marina 8
8 Maliseti 7
9 Quarrata Olimpia 7
10 Calenzano 6
11 Folgor Marlia 5
12 Pontremolese 5
13 Sagginale 5
14 Luco 4
15 Candeglia P. Borgo 4
16 Vaianese Impavida Vernio 2
.
.
.
.
.
.
 

 

.
.

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)