Mercoledì, 13 Dicembre 2017


Testata giornalistica n. 4 iscritta al tribunale di Pistoia il 20/04/2012
Martedì, 10 Ottobre 2017 18:19

Pistoiese, con la Lucchese il primo di cinque derby: parla Marco Ferrari

di 

Dopo la scoppola con la Giana, è Marco Ferrari a fare il punto in casa Pistoiese - Le news dall'infermeria

Il diggi della Pistoiese, Marco Ferrari (Ptsport) Il diggi della Pistoiese, Marco Ferrari (Ptsport)

 

Le tre sberle di Gorgonzola sono state amare ma devono servire da lezione e da sprone per il futuro. A dire questo è il direttore generale Marco Ferrari che, dopo il 3-0 rimediato in casa della Giana Erminio, fa quadrato in vista di un mese decisivo per capire quello che sarà il ruolo della Pistoiese nel girone A di Serie C: Lucchese, Pontedera, Prato, Pisa e Siena tutte una dietro l'altra. Tre partite in casa e due in trasferta, cinque derby che potranno e dovranno dire tanto sul potenziale degli arancioni.

"Veniamo da una sconfitta pesante - dice il direttore generale, Marco Ferrari - che ci penalizza visto che la prestazione del primo tempo non era certo da buttare: è un ko che lascia qualcosa ma va preso come un momento di crescita per ripartire dagli errori. E' una settimana importante che ci porta al sentito derby con la Lucchese che noi mettiamo alla stessa stregua di quello col Prato e sicuramente, se ci saranno delle assenze, a far la differenza saranno le motivazioni visto che i rossoneri sono squadra con un nucleo esperto oramai collaudato e che domenica, di fronte alle 5500 persone del "Porta Elisa" hanno reso la vita difficile ad una delle favorite per la vittoria finale come il Pisa. A maggior ragione, il sostegno del nostro pubblico sarà fondamentale: dopo il grande entusiasmo delle due vittorie di inizio stagione, adesso non dobbiamo pensare al pessimismo ed essere troppo umorali perché vogliamo ottenere il massimo da queste cinque partite".

PISTOIESE: IL PUNTO SUGLI INFORTUNATI

In conferenza stampa è intervenuto direttamente il responsabile medico arancione, dottor Edoardo Cantilena. Se c'è la buona nuova del rientro in gruppo di Papini, sembrano essere molto basse le chance di vedere Hamlili in campo dal primo minuto con la Lucchese e probabilmente ci vorrà ancora un mesetto affinché Caio De Cenco possa essere a disposizione di Indiani.

"Hamlili a Olbia ha riportato una piccola lesione - afferma il dottor Cantilena - i tempi stimati sono 10 giorni di stop assoluto più il reintegro in gruppo. Papini è tornato in gruppo, dobbiamo concordare il tipo di lavoro da svolgere con lo staff e vediamo come risponderà ai carichi di lavoro. La situazione di Rossini è oramai definita visto che ha anche giocato con la Giana mentre stiamo proseguendo il percorso di recupero per De Cenco: è arrivato qui, a fine agosto, con poca riabilitazione alle spalle. Ha, da poco, iniziato a correre e lavorare col pallone, l'ipotesi che torni disponibile a fine ottobre è ancora plausibile alla quale poi c'è da aggiungere il periodo di lavoro col resto del gruppo ed il ritmo normale degli allenamenti".

Evidente che, a questo punto, ancora per qualche settimana bisognerà fare sempre con i soliti 13-14 giocatori ruotati normalmente da Indiani, a partire dal derby di domenica con la Lucchese. Una situazione abbastanza pesante, perché non sembrano esserci alternative all'altezza da mixare con la scarsa vena realizzativa della squadra come dimostrano gli unici due gol su azione realizzati fino ad oggi da Ferrari ad Arezzo e da Vrioni con la Pro Piacenza.

 

Letto 628 volte

.
Squadra
PF
1 Livorno 42
2 Pisa 32
3 Viterbese Castrense 30
4 Robur Siena 30
5 Monza 24
6 Olbia 24
7 Lucchese 24
8 Giana Erminio 23
9 Arezzo 23
10 Carrarese 23
11 Pistoiese 23
12 Piacenza 22
13 Arzachena 21
14 Pontedera 20
15 Alessandria 18
16 Pro Piacenza 18
17 Gavorrano 13
18 Cuneo 13
19 Prato 11
.
.
.
.
 

 

.
.

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)