Lunedì, 25 Giugno 2018

Mercoledì, 17 Gennaio 2018 08:49

Braccio di ferro per Ferrari: il Genoa cerca un accordo con la Pistoiese per mandarlo alla Samb

di 

La Sambenedettese vuole Franco Ferrari in tutti i modi per vincere il girone B di Serie C: ma la Pistoiese non può mollare. Ecco perché

Franco Ferrari: la Pistoiese non lo molla ma il mercato si fa sentire (Ptsport) Franco Ferrari: la Pistoiese non lo molla ma il mercato si fa sentire (Ptsport)

SERIE C, 17 GENNAIO: FERRARI VUOLE LA SAMB?

Trema la tifoseria arancione nella settimana che porta al ritorno del campionato con l'atteso derby contro l'Arezzo, crocevia importante per i sogni playoff. Trema di fronte al tentennare di Franco Ferrari e della sua volontà, pare, di prendere in seria considerazione l'opportunità di chiudere la stagione a San Benedetto del Tronto e puntare così al salto in Serie B con la squadra di Eziolino Capuano.

La situazione è già chiara da qualche giorno: Genoa e Samb hanno l'accordo per trasferire il giocatore in prestito nelle Marche ma ci vuole il benestare della Pistoiese, ovvero fare cassa dal Genoa. Le parti si sono viste anche nella giornata di martedì 16 gennaio e la Pistoiese ha confermato la sua posizione: Franco Ferrari non si muove dallo stadio "Melani". Adesso, però, ci sta provando il procuratore del giocatore a smuovere le acque e comunque non si andrà più avanti di oggi, a quanto abbiamo appreso. Al netto di tutti i discorsi, comunque, una domanda viene spontanea: come mai Franco Ferrari, giocatore che ha ottimo rapporto con società e spogliatoio ed è uno dei giocatori più in vista della rosa arancione, a gennaio vorrebbe andar via per militare, comunque, in una squadra della stessa categoria anche se più ambiziosa? Speriamo di avere qualche risposta nei prossimi giorni.

AGGIORNAMENTO 10 GENNAIO

Mercato caldissimo, al momento soltanto in uscita, in casa Pistoiese. Se l'operazione Claudio Zappa prenderà quota o no lo vedremo nei prossimi giorni, ma adesso a preoccupare è la situazione legata a Franco Ferrari.

"El Loco" non ha preso benissimo le ultime due panchine contro Gavorrano e Monza ma, soprattutto, la Sambenedettese col suo presidente Franco Fedeli si è fatta avanti col Genoa per provare a prendere già adesso a gennaio il giocatore, 7 gol finora con la maglia arancione.

Da quello che siamo riusciti a sapere, l'accordo fra Genoa e Samb è già stato trovato e, di fronte ad una chiamata del genere, anche le certezze di Ferrari come indice di gradimento di squadra potrebbero vacillare visto che i marchigiani puntano, senza mezzi termini, al salto in Serie B.

L'ultima parola, però, tocca alla Pistoiese che ovviamente non vuol far partire il suo bomber. In fin dei conti, dicendo semplicemente di no, anche se tutti gli altri attori protagonisti fossero d'accordo Ferrari rimarrebbe comunque a Pistoia ma con quale spirito? Sarebbe ugualmente concentrato come è stato nel girone d'andata o farebbe la parte dello "scontento"? Di sicuro, a questo proposito (così come per quanto concerne Papini) sarà fondamentale scrutare l'11 titolare che Indiani schiererà il 21 gennaio contro l'Arezzo: una eventuale assenza potrebbe infatti aprire ulteriori scenari di mercato.

La Pistoiese, al contrario, potrebbe dire di si soltanto chiedendo una cospicua somma come indennizzo da parte del Genoa. Un po' come successe, nel gennaio 2017, a Lucca con Francesco Forte che passò al Perugia, via Inter, dietro il versamento di quasi 200.000 euro. Però, poi, ci sarebbe da andare a prendere una forte prima punta che, non facilmente, si può trovare a gennaio.

Letto 3434 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)