Domenica, 23 Settembre 2018

Martedì, 02 Gennaio 2018 13:24

Bike Card, 25€ di tassa per i ciclisti amatoriali pistoiesi

di 

Introdotta la tassa da versare alla FCI: ogni ciclista amatoriale la dovrà pagare per poter prender parte alle gare

Un ritrovo di ciclisti amatori a Pistoia Un ritrovo di ciclisti amatori a Pistoia

La prima polemica in campo sportivo, a livello nazionale, del 2018 è già stata servita su di un piatto d'argento e riguarda l'infinito mondo del ciclismo amatoriale. Una disciplina sportiva che, dalle nostre parti, è sicuramente fra le più praticate per la presenza di tanti gruppi sportivi, per la tradizione della Toscana con il ciclismo e per tanti percorsi privilegiati da chi va sulle due ruote a pedali.

In rete è già stata ribattezzata la "tassa sul sudore": ogni anno, infatti, chiunque è iscritto ad una società amatoriale dovrà pagare questa tassa di 25 euro alla Federazione Italiana Ciclismo che, al momento, non rimanda indietro nessun aiuto o servizio assicurativo a favore dei ciclisti, come ha anticipato in una intervista al Corriere della Sera il presidente della Federazione, Renato Di Rocco.

Oltre all'iscrizione ad un ente di promozione del Coni ed il certificato medico, dal 1° gennaio 2018 ci vorrà anche la "Bike Card" che porterà importanti fondi nelle casse della Federazione che era rimbalzata di fronte alle richieste presentate di 1€ per ogni partecipante o 1,5€ per ogni tessera fatta.

Letto 767 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)