Mercoledì, 12 Dicembre 2018

Martedì, 09 Gennaio 2018 14:26

Ex Pistoia Basket, ancora super C.J.Williams in NBA: sua la tripla della vittoria dei Clippers su Atlanta

di 

Popolarità ai massimi livelli ai Los Angeles Clippers per CJ Williams, decisivo con una tripla nella vittoria contro gli Atlanta Hawks

Cj Williams nel derby Clippers-Lakers Cj Williams nel derby Clippers-Lakers

Il 2018 è davvero iniziato alla grande per C.J. Williams. Dopo il nostro articolo in cui vi abbiamo raccontato la sorprendente stagione che sta vivendo l'ex biancorosso, e che ha fatto molto discutere e sorridere nell'ambiente, adesso la popolarità della guardia dei Clippers è sulla bocca di tutti, a Pistoia così come a Los Angeles. Sabato sera la diretta di SkySport del match tra Clippers e Golden State Warriors ha messo davanti all'evidenza anche i più disattenti: C.J. Williams è in NBA e gioca da protagonista, partendo abitualmente in quintetto e sfidando persino i campioni in carica della baia di San Francisco. Già questi elementi sono bastati per riportare in voga il nome dell'ex esterno voluto a Pistoia da coach Paolo Moretti quattro stagioni fa, risvegliando la memoria dei molti che in tribuna sbuffavano per il suo rendimento altalenante, fatto di fiammate a cui seguivano preoccupanti pause.

Adesso è arrivata l'ennesima perla di questa avventura dell'ex North Carolina State che ha addirittura consegnato la vittoria ai suoi Clippers nel match di lunedì sera contro Atlanta, segnando quasi allo scadere la tripla della vittoria. Il buzzer beater decisivo è arrivato al termine di una prova in cui è rimasto in campo 37 minuti, segnando 15 punti conditi da 2 assist e 3 rimbalzi. Il video del suo epico canestro è stato proposto in rete dall'account twitter della franchigia di Los Angeles, immediato il tam tam sui social dei tifosi biancorossi. Adesso il contratto "two-way" che lega C.J. ai Clippers è praticamente agli sgoccioli, però in questi quarantacinque giorni di NBA la guardia ha fatto vedere di poter stare nella lega dei campioni, se non altro dimostrando sul campo attitudine difensiva, impegno e grande disponibilità verso i compagni e coach Doc Rivers. Probabile quindi che la sua avventura non si chiuda a metà gennaio, del resto i numeri in campo sono dalla sua e le sorprese da parte di questo ragazzo ormai abbonato a trovarsi nel posto giusto al momento giusto sembrano proprio non finire mai.

Letto 814 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)