Sabato, 21 Ottobre 2017


Testata giornalistica n. 4 iscritta al tribunale di Pistoia il 20/04/2012
Lunedì, 19 Giugno 2017 08:36

Bottegone, è corsa contro il tempo: Basket City a rischio

di 

Corsa contro il tempo per salvare la serie B giallonera. Dai trionfi del passato alla collaborazione con il Pistoia Basket: ecco perchè Bottegone è un anello importante per Basket City

Bottegone, è corsa contro il tempo: Basket City a rischio

La Pistoia baskettara segue con trepidazione la situazione in casa Bottegone Basket. Una situazione difficile, molto difficile, anche se ad oggi non trapelano dichiarazioni ufficiali. Il futuro della società nata e cresciuta sotto i portici della chiesa di Sant'Angelo a Bottegone, rimasta molto legata alla popolosa e non facile frazione di Pistoia sud, grazie alla presidenza appassionata di don Piergiorgio Baronti, è a rischio.

Almeno la società che siamo stati abituati a vedere negli ultimi anni, con quella serie B tanto preziosa per Bottegone ma anche per tutto il movimento cittadino, quanto onerosa. Una serie B che non è solo la seconda squadra della città, non è solo una delle gambe su cui poggia l'ambizioso e fruttuoso progetto del Pistoia Basket Academy. E già questo non sarebbe poco.

Ma la serie B è anche una categoria conquistata con un'ascesa incredibile da un club che, negli ultimi anni, ha caratterizzato la scena pistoiese in maniera forte. Eppure, pare ormai a un passo la cessione del titolo sportivo ai campani della Pallacanestro Sarno. Sarebbe un epilogo a dir poco triste Una storia che racconta tante storie. E per questo è patrimonio della città. Non solo di Bottegone. 

Dai pienoni alla palestra Einaudi, inconsueti per un campionato di Promozione, dove per rimettere da bordocampo, c'era bisogno di chiedere spazio alla prima fila dei tifosi sui gradoni. Ai soldout di una palestra King divenuta subito troppo piccola per contenere l'amore e la passione dei tifosi pistoiesi per la squadra giallonera. Dalle sfide pepate con le agguerrite squadre livornesi, tanto care alla balaustra della King, ai derby infuocati col Green Team. Fino a quella serata, la prima di tante, dove Bottegone si è trovata davanti alla discesa agli inferi di Montecatini, facendo respirare a Pistoia il clima del derby più sentito.

Lacrime, gioia, soddisfazione per quei ragazzi amici di tutti che hanno portato in alto la frazioncina fino a livelli in cui si è dovuta giocoforza aprire a logiche di mercato, acquisti esterni e anche dolorose scelte tecniche sui protagonisti di tante notte magiche. Nonostante molti dei ragazzi che si sono calati nell'atmosfera del Bottegone l'abbiano fatto con la passione che contraddistingue da sempre una società così particolare, le logiche di mercato, i costi dei campionati sono diventati troppo grandi.

E ora è corsa contro il tempo per salvare il futuro. Servirebbero nuovi sponsor, nuove persone che credano in un progetto che - nell'ultima stagione ad esempio - ha visto il raggiungimento dei playoff con una squadra giovanissima, fatta dal coach e dalla gran parte dei ragazzi dell'Under 20 del Pistoia Basket che grazie a Bottegone sono stati chiamati alla prova del campo vero. Duellando con vecchie volpi della categoria e rispondendo benissimo.

Ora tocca ad altri scendere in campo. E nessuno può essere passivo di fronte ai problemi della società giallonera, nemmeno chi negli anni l'ha vista come partner fedele al proprio fianco. Che deve impegnarsi con nuove idee, nuove sinergie e collaborazioni per provare a salvare un pezzo importante della Basket City pistoiese.

Letto 1602 volte
.
.
.
.
.
 

 

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)