Martedì, 20 Febbraio 2018


Testata giornalistica n. 4 iscritta al tribunale di Pistoia il 20/04/2012
Lunedì, 12 Febbraio 2018 15:02

Perdere una partita ci può stare, la faccia no

di 

La non partita di Pistoia ad Avellino induce una riflessione: perdere fa parte dello sport, ma bisogna sempre dare tutto. Altrimenti si rompe il patto di fiducia con il pubblico

Gli eroi di Avellino (foto Luciano/SportAvellino) Gli eroi di Avellino (foto Luciano/SportAvellino)

Azzerare e ripartire, lo avevo scritto nel commento alla non partita di domenica scorsa tra Avellino e Pistoia Basket. E invece ripensandoci credo sia utile tornare sulla debacle irpina per porre l'accento su una questione importante: si può perdere, ma non così. Nemmeno nella tana di una delle corazzate del campionato.

Una precisazione che ci eravamo risparmiati dopo quanto successo esattamente 3 mesi fa, 11 novembre 2017, quando al PalaBigi si registrò la Caporetto sportiva stagionale della The FlexxReggio Emilia umiliò con un eloquente 90-42 i biancorossi, salvati dalla peggior prestazione realizzativa della storia della Serie A solo dal 3/3 ai liberi di Onouha a gara finita.

Quello era un momento di particolare difficoltà, va riconosciuto. Quindi passi l'ingollare il boccone amaro, per una volta. Però non ci sono attenuanti per il bis (non nelle stesse proporzioni numeriche, ma ben poco diverso nei fatti e forse anche peggiore nei modi) concesso ad Avellino. Vittorie e sconfitte fanno parte dello sport e come tali vanno accettate. Quello che non si può accettare è il presentarsi sul parquet con facce scariche, molli, remissive. Andare sui palloni senza energia, sciogliersi alle prime difficoltà. Non lottare, deporre le armi. In poche parole, essere impotenti di fronte agli avversari. E di conseguenza essere asfaltati.

In questo modo non si perde solo la partita, si perde anche la faccia. E questo non è tollerabile. Perché in giro per l'Italia i ragazzi in biancorosso rappresentano l'intera città di Pistoia. Perché bisogna onorare maglia e società, a prescindere da contro chi si giochi. E soprattutto perché ci sono tanti tifosi che meritano rispetto, da quelli presenti al PalaCarrara fino ai venti eroi presenti in Irpinia, passando per chi era a Reggio e chi, nei limiti delle proprie possibilità, non perde occasione utile per seguire la squadra.

C'è un patto di fiducia, tra squadra e chi macina soldi e km per sostenerla: voi date tutto, noi restiamo a vostro fianco. Vada come vada. Se questo patto viene rotto, succede anche che la Baraonda Biancorossa abbandoni il Pala Del Mauro senza aspettare il saluto della squadra. Cosa mai successa nella decennale storia del gruppo. E questo deve far riflettere chi di dovere in questa settimana di relax per la pausa.

Da lunedì si torna in palestra, per preparare il rush finale. C'è una salvezza in Lega Basket Serie A da conquistare e va presa con l'aiuto di tutti. Quindi, adesso sì, azzerare e ripartire. Da una parte considerando le difficoltà di questa stagione maledetta. dall'altra tenendo ben presente che l'atteggiamento da qui alla fine dovrà essere diverso. Indipendentemente dai risultati.

Letto 1430 volte

FF Utansili
.
.
.
.
.
.
 

 

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)