Sabato, 15 Dicembre 2018

Mercoledì, 22 Ottobre 2014 16:27

120 minuti di grande Pistoiese, poi il Prato passa ai rigori 5-4

di 

Il saluto iniziale delle due squadre (PtSport)Sono necessari i calci di rigore per stabilire chi doveva passare agli ottavi di finale di Coppa Italia Lega Pro fra Prato e Pistoiese. Vantaggio pratese in chiusura di primo tempo, al 90' pareggia Coulibaly. Dominio arancione per 120', dal dischetto decisivi gli errori di Mungo e Frascatore.

 

IL TABELLINO - di Federico Guidi

 

PRATO-PISTOIESE 5-4 (dopo i rigori)

PRATO. Ivusic, Bandini, Eguelfi, Bengala (64' Miccinesi), Dametto, Ghidotti, Pasa, Cavagna (46' Romanò), Rubino, Gabbianelli, Ogunseye (87' Fofana). Allenatore: Esposito. A disposizione: Brunelli, Matteo, Malotti, Rivas Vindel.

PISTOIESE. Olczak, Celiento, Falasco, Ciciretti, Piana, Pasini (57' Frascatore), Provenzano (68' Di Bari), Saric, Coulibaly, Piscitella, Frugoli (90' Mungo). Allenatore: Lucarelli. A disposizione: Pazzagli, Calvano, Falzerano, Tripoli.

Arbitro: Baldicchi di Città di Castello

Gol: 43' Ogunseye, 89' Coulibaly Espulsi: Piana al 66'

Sequenza rigori: Mungo parato, Rubino gol, Frascatore traversa, Bandini gol, Coulibaly gol, Danetto gol, Piscitella gol, Gabbianelli alto, Di Bari gol, Fofana gol.

 

LA CRONACA - di Federico Guidi

Grande cuore della Pistoiese che lotta e combatte per centoventi minuti nel derby con il Prato. Solo la lotteria dei rigori ferma la squadra arancione, tradita da Mungo e Frascatore che sbagliano le loro conclusioni dal dischetto. Nonostante l'eliminazione dalla Coppa Italia la squadra di mister Lucarelli ha poco da recriminare perché ha tenuto bene il campo nonostante una formazione piena di seconde linee e in dieci per oltre cinquantacinque minuti.

L'avvio di gara sorride ai padroni di casa. Al 10' Ogunseye prova la botta da fuori ma la palla finisce alta. Per vedere un'azione degna di nota degli arancioni bisogna aspettare il 16' quando Piscitella semina due avversari e dalla linea di fondo dentro l'area serve Coulibaly che calcia a botta sicura, la palla impatta sulle gambe di un avversario e arriva fuori area a Saric che calcia forte ma troppo alto. Poco dopo ancora Pistoiese in evidenza con una conclusione di Ciciretti da lontano che non inquadra lo specchio. Nella fase centrale della gara meglio la squadra di mister Lucarelli anche se gli unici pericoli li crea Piscitella con un paio di accelerazioni. Al 28' bella palla filtrante di Ogunseye, Rubino stoppa in area con la nuca e poi finisce per perdere il possesso della sfera. Gli arancioni si esibiscono in una bella discesa sulla destra, poi con un cross il pallone arriva in area Piscitella che però calcia malissimo.mi locali continuano a creare a destra da dove Ogunseye entra in area al 33', crossando morbido per Rubino, Celiento anticipa di testa sventando la minaccia. L'occasione più ghiotta per la Pistoiese arriva al 39' quando Coulibaly calci da fuori, Ivusic non trattiene ma la difesa biancoazzurra spazza prima che qualcuno degli ospiti arrivi in tempo per calciare in rete. Quasi allo scadere del primo tempo arriva il vantaggio del Prato. Gabbianelli calcia un corner sul primo palo, su tutti svetta Ogunseye che di testa mette in rete.

La ripresa inizia su ritmi blandi. Al 57' ci prova da fuori Celiento con una conclusione velleitaria. Poi le cose si mettono davvero male per la Pistoiese che al 66' rimane in dieci. Ciciretti perde un pallone sanguinoso a centrocampo e la sfera arriva a Rubino in profondità, Piana entra in scivolata e lo sdraia. L'arbitro mostra il cartellino rosso e sulla punizione successiva Gabbianelli calcia fuori di un soffio. La Pistoiese prova a reagire ma Ivusic è sempre attento, come del resto Olczak che para sicuro la girata in area di Ogunseye e il tiro-cross di Bandini. Gli arancioni sfiorano il pareggio a dieci minuti dalla fine quando Celiento crossa in mezzo, dal mucchio sbuca Piscitella che impatta la sfera ma Ivusic è bravo e fortunato e salva la situazione, respingendo la sfera. Anche la conclusione di Frascatore su punizione da buona posizione a cinque minuti dalla fine termina sulla barriera. Quando ormai la gara sembra finita arriva il guizzo arancione che vale il pareggio. Ciciretti lancia in area un pallonetto, Frugoli manca l'aggancio di testa, Piscitella non stoppa e allora la palla arriva a Coulibay che in area si gira, si sposta quanto basta e di sinistro trafigge Ivusic.

Il rigore sbagliato da Mungo (PtSport)Parità ristabilita e supplementari. L'extra time si apre con un contropiede del Prato, Romanò però non sfrutta la ghiotta occasione e spara alto. Dall'altra parte ci prova Coulibaly ma la sua conclusione è da dimenticare. Al 95' cross di Romanò, sul secondo palo Rubino manda fuori da buonissima posizione. Nonostante l'inferiorità numerica il fortino arancione tiene e il primo tempo supplementare termina senza altri sussulti. Il secondo tempo supplementare inizia con lo slalom gigante di Celiento che si beve tutta la retroguardia pratese ma al momento di calciare si ritrova sbilanciato e spara alto da buona posizione. Poi le squadre si allungano e si spezzano, offrendo il fianco ai contropiede. Nessuno però riesce ad approfittarne e allora alle due squadre servono i rigori per decidere la vincitrice. Dagli undici metri arrivato gli errori di Mungo (parata di Ivusic) e Frascatore (palla sulla traversa). La conclusione sopra la traversa di Gabbianelli termina alta sopra la traversa ma all'ultimo penalty Fofana non lascia scampo a Olczak e il Prato si aggiudica il match, approdando al turno successivo si Coppa Italia.

Leggi qui gli altri risultati del secondo turno di Coppa Italia

LE PAGELLE - di Saverio Melegari

OLCZAK. Non sente l'emozione del debutto e, a differenza delle malelingue si dimostra sicuro, nonostante il Prato non lo impensierisca mai. Poteva fare di più sul gol subito. Voto 6

CELIENTO. Se fossimo in Golubovic nelle prossime notti non dormiremmo sonni molto tranquilli: il serbo cala mentre l'ex Viareggio, dopo 3 mesi di stop, dimostra grandi doti che potranno tornare utili. Bene sia in difesa che anche quando si spinge in avanti e per poco non trova il gol-qualificazione. Voto 7

FALASCO. Nella sua posizione naturale non sfigura nonostante il Prato nel primo tempo insista sulla sua corsia destra. Dopo il rosso di Piana fa il centrale con Di Bari ed annullano un esausto Rubino più Fofana. Voto 6+.

CICIRETTI. Ci dispiace bocciarlo anche in questo derby ma non si può fare altrimenti. Impreciso ed insicuro nelle prime battute, migliora nel finale ma ancora non ci siamo. Al momento sembra essere quello che si è calato meno nella parte. Voto 5+

PIANA. Deve mettersi sulle tracce di Rubino (quando ha fiato) e non sfigura, poi sullo stesso ex Novara è costretto a stenderlo e beccarsi il rosso. Paradossalmente, però, da quel momento la Pistoiese cresce ed il Prato sparisce. Voto 5,5

PASINI. Il "titolare" prescelto da Lucarelli al sacrificio fa il suo dovere al massimo senza particolari sbavature nella sua prima uscita da capitano. Voto 6 (dal 57' Frascatore 5,5 A differenza delle ultime sfide di campionato, offende bene servendo Coulibaly: pesa il rigore calciato all'incrocio dei pali ed uscito).

PROVENZANO. La faccia tosta al '97 della Berretti di Agostiniani non manca. Lucarelli lo getta nella mischia e prova a seminare panico nella difesa laniera. Il rosso di Piana lo costringe ad uscire per riequilibrare la difesa. Voto 6,5 (dal 68' Di Bari 7-. Doveva giocare soltanto per dare fiato a Pasini e Piana ed, invece, alla fine rimane in campo per 50' ma non ne sbaglia una. E poi ha anche la freddezza di calciare un bel rigore. Super capitano, ma senza fascia)

I giocatori della Pistoiese salutano i tifosi dopo il ko ai rigori (PtSport)SARIC. E' un diesel che più diesel non si potrebbe. Per 55-60' ne combina poche buone, poi quando gli altri calano perché sono stanchi lui cresce, acquisisce sicurezza e va a togliere le ripartenze a Ciciretti in mediana dove diventa un muro. Ottima prestazione dopo altre uscite così così. Voto 7-

COULIBALY. Il voto è ovviamente "drogato" dal bel gol realizzato al 90' quando oramai la squadra era pronta ad uscire dalla Coppa e salire sul pullman. Da quel momento in avanti è sembrato come rigenerato, dando verve a tutto il reparto avanzato. Peccato che negli 89' precedenti, come sempre, ne aveva combinate di tutti i colori mettendoci sempre tanta, troppa, confusione. Voto 6-

PISCITELLA. Lo schema della Pistoiese è semplice: verticalizzazioni, lanci lunghi, fraseggi ma l'importante è che il tocco finale sia del gioiellino della Roma. E così nel primo tempo fa impazzire Bandini, trova un paio di giocate che però non si concretizzano. Grande rigore calciato da veterano con un cucchiaio lento che per poco Ivusic non riesce a disinnescare. Ancora il primo gol "ufficiale" non arriva, speriamo che questo sia un passo in avanti. Voto 7

FRUGOLI. Tanta curiosità per la prova del giovane scuola Empoli che ha fatto vedere qualche segnale di crescita. E' ancora acerbo, spesso nei dribbling è morbido ma siamo convinti che potrebbe tornare utile. Voto 6 (dal 90' Mungo 5,5 Al primo pallone toccato Lucarelli se lo mangerebbe per un tacco veniale, poi ha la forza di far partire l'azione arancione nel supplementare. Ma sbaglia un rigore che sarà decisivo).

 

LE INTERVISTE

Molto contento il tecnico arancione Cristiano Lucarelli della prova dei suoi al Lungobisenzio. Una iniezione di fiducia importante, nonostante il ko giunto comunque ai rigori. Questo il video della conferenza stampa.

 

IL PREVIEW - di Saverio Melegari

Ci siamo. Dopo tanto digiuno, ritorna il derby, quello con la "D" maiuscola e volutamente nella nostra foto di accompagnamento all'articolo abbiamo inserito l'ultima immagine del derby con la "d" minuscola, vale a dire uno dei tanti disputati fra Eccellenza e Serie D con il Jolly&Montemurlo.

Ma oggi è la volta di Prato-Pistoiese, quello vero. Non proprio verissimo, perché si parla di Coppa Italia e non di campionato (per quello c'è da aspettare il 9 novembre), però intanto tornano ad affrontarsi queste due squadre, un evento che non succedeva dal 2008. Sarà una partita strana perché la Pistoiese ha fatto capire chiaramente, già dalla prima partita di Coppa ad agosto con la Carrarese, che su questa competizione l'interesse è pari a zero e che Lucarelli, lo ha detto apertamente, ha in testa soltanto la sfida di domenica contro il Teramo.

Oggi in programma la prima parte delle sfide del secondo turno di Coppa Italia Lega Pro. Scopri il tabellone completo con i risultati aggiornati.

LE FORMAZIONI. Da entrambe le parti ci sarà un più o meno ampio turnover, anche se il Prato ha elementi di qualità anche nelle "seconde linee". Nonostante tutto mister Esposito dovrebbe schierare un 4-3-1-2 con Gabbianelli alle spalle dei due attaccanti Fofana e Bocalon (a riposo inizialmente ci sarà Rubino) e con in porta il giovane interessante Brunelli.

In casa Pistoiese, invece, probabilmente soltanto uno fra Pasini e Di Bari andrà in difesa mentre poi in tutto il resto del campo ci saranno tante novità. Ipotizzabile un prudente 4-4-2 con attaccanti Coulibaly e Frugoli, debutto per Olczak e Celiento, rientro in mediana di Ciciretti (occasionissima da sfruttare per l'ex Aquila per non diventare ufficialmente un caso) e Saric.

TIFOSI. I supporters arancioni si muoveranno in treno con partenza dalla stazione di Pistoia alle 14.12. Ricordiamo che alla sfida possono accedere soltanto i possessori della tessera del tifoso e i residenti in provincia di Prato. In casa pratese tutti gli abbonati entreranno gratis e così da Pistoia si muoveranno Centro Coordinamento Club e Antica Passione.

AGGIORNAMENTI. PistoiaSport sarà presente al Lungobisenzio per raccontarvi l'evolversi del match. Aggiornamenti all'interno di questo articolo e su Facebook a partire dalle 14.50, poi al termine commenti, interviste e video da non perdere.

Letto 4824 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)