Sabato, 18 Agosto 2018

Lunedì, 04 Dicembre 2017 15:48

Il vincitore di The Flexx-Fiat? Paolino il custode

di 

Il curioso siparietto con l'arbitro Lanzarini prima di The Flexx-Fiat è diventato virale: ed ha fatto salire alla ribalta chi rimane sempre nell'ombra

Paolo Torrigiani con l'asta per misurare l'altezza del canestro (Ptsport) Paolo Torrigiani con l'asta per misurare l'altezza del canestro (Ptsport)

Quella flemma e quello sguardo come a dire "ma lo saprò se la misura è giusta o no" che, in poche ore, ha fatto il giro d'Italia con le immagini di Eurosport ed è diventato virale sui social network di fede biancorossa e no.

Oltre al ritorno alla vittoria in Serie A della The Flexx, c'è un altro personaggio salito alla ribalta dopo la 9° giornata di andata: Paolo Torrigiani, per tutti semplicemente "Paolino", il custode del PalaCarrara. Chi, almeno una volta è passato da via Fermi per gli allenamenti o per una partita delle giovanili lo ha sempre visto al posto di combattimento a risolvere ogni piccola magagna che non va.

Solo che il custode, così come il magazziniere, chi stacca i biglietti, l'addetto agli arbitri, gli addetti alle statistiche o altre figure del genere, quasi sempre rimangono nelle retrovie. Ma, domenica 3 dicembre 2017, così non è stato.

Sta per partire il match fra The Flexx e Fiat ed il primo arbitro dell'incontro, Saverio Lanzarini di Bologna, nota che uno dei canestri (quello sotto la curva Firenze) ha qualcosa che non va. Così informa i giudici al tavolo che avvisano Renzo Cecchi e da lì ecco che entra in campo "Paolino". Con la sua cassetta degli attrezzi inizia ad armeggiare col canestro, alza e abbassa di qualche centimetro ma Lanzarini non è ancora contento.

E' lì che il pubblico inizia a capire che qualcosa non va e che inizia, soprattutto, a "tifare" per il custode. L'arbitro non ci vede chiaro, si allontana dal canestro e continua a ribadire che non è dritto. A quel punto, abbastanza stizzito, Torrigiani va in magazzino e torna in campo, di fronte a 3500 persone e le telecamere di Eurosport, con la staffa che dà la misura esatta del canestro: l'appoggia per terra e...zac, la misura è esatta con tanto di gesto come a dire "ma che pensavi anche di avere ragione?" rivolto ad un Lanzarini che rimane impassibile.

Ovvio che, mentre Torrigiani torna verso la sua postazione, scatta la standing ovation con Esposito che va in mezzo al campo a battergli il "cinque" ed invoca l'applauso del PalaCarrara. E bravo "Paolino", sempre gentile e cordiale anche con la stampa e gli addetti ai lavori.

Letto 4040 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)