Martedì, 22 Maggio 2018

Lunedì, 12 Febbraio 2018 11:47

Fondazione Maic a Pistoia: la bellezza di riabilitarsi alla vita

di 

Inaugurata la nuova struttura di Via San Biagio con grande abbraccio della città alla fondazione Maria Assunta in Cielo e ai suoi ospiti

Fondazione Maic a Pistoia: la bellezza di riabilitarsi alla vita

Volete conoscere il vero significato della parola Festa, con la F maiuscola? Ebbene tutto ciò che è racchiuso in quelle cinque lettere, è stato evidenziato nella giornata dell'inaugurazione del Nuovo Padiglione della Fondazione MAIC. Un giorno atteso con trepidazione dagli ospiti del Centro e dai loro familiari, ma anche dalle tante persone che prestano il loro prezioso lavoro presso il centro di Via San Biagio. 

Dal mattino sino al tramonto è stato un susseguirsi di eventi, dal taglio del nastro dato dal Sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, al volo di palloncini colorati verso il cielo che ha chiuso questo Open day, in un crescendo di emozioni che ha azzerato in un solo istante, tutte le difficoltà, burocratiche e non, incontrate lungo il cammino.

Il Presidente della Fondazione Luigi Bardelli, visibilmente commosso, durante il proprio discorso effettuato nell'auditorium della Fondazione, davanti a numerose maestranze,  ricordando la lunga storia che ha contraddistinto il cammino del Centro ha dichiarato:”....Abbiamo voluto fare un centro bello, perchè quelli che sono considerati gli ultimi potessero riabilitarsi nella bellezza...”

Mai affermazione fu più giusta, perchè il nuovo padiglione, bello ed apprezzato da tutti quanti i presenti, è un inno alla gioia, ai colori,  al calore ed al sorriso, quello stesso sorriso che trovi fotografato sui volti dei tanti ragazzi ospiti alla Maic e che infondono a tutti quanti abbiano la fortuna di avvicinarli, tanta, tanta energia.

La proiezione di un filmato esplicativo su tutto ciò che significa Maic, ha introdotto la visita nei vari reparti.                     

Durante la settimana che ha preceduto l'Open Day, durante la Santa Messa officiata dal Vescovo Tardelli, è stata intitolata a Don Renato Gargini, la navata a vetri che guarda alla città, aperta sulla città “ come lui desiderava”. Monsignor Tardelli ha scoperto  la targa per ricordare un uomo il quale ha sempre donato tutto se stesso per i ragazzi disabili, una figura che sarà ricordata  per aver ispirato la strada della solidarietà e dell'amore a cominciare dagli ultimi.

Letto 431 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)