Lunedì, 25 Giugno 2018

Mercoledì, 10 Gennaio 2018 18:53

Sport e moda: Oji alla conquista di Pitti

di 

Simone e Veronica De Luca hanno presentato la collezione 2018 del loro marchio in occasione di Pitti: testimonial d'eccezione Spalletti, Gilardino e Dainelli

Simone e Veronica De Luca con Spalletti, Gilardino e Dainelli Simone e Veronica De Luca con Spalletti, Gilardino e Dainelli

Sport e moda, ormai, vanno a braccetto. E una delle testimonianze più lampanti si può trovare a pochi chilometri da Pistoia: parliamo di Oji, il brand pratese che i più attenti ricorderanno tra i protagonisti dell'iniziativa benefica della t-shirt con impressa l'esultanza dell'allora capitano della Pistoiese Corrado Colombo dopo l'eurogol realizzato contro il Tuttocuoio il 13 novembre 2016. Del resto, è proprio questo uno dei segreti del successo dell'azienda dei due fratelli Simone e Veronica De Luca: avere un ruolo attivo nella propria comunità di riferimento, dalle iniziative di solidarietà passando per il lavoro con le scuole. Oltre ovviamente alla zampa del loro cane Oji, ora diventata un marchio riconosciuto ovunque.

PITTI E se è vero che Oji è ormai un brand famoso in tutto il mondo, certo non poteva mancare all'edizione 2018 di Pitti Uomo e Pitti Immagine Bimbo. Con una serata da ricordare. La location non poteva che essere sportiva e così la nuova collezione è stata presentata al "Fashion FoodBaller" in piazza Strozzi, locale di proprietà del tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, del campione del mondo 2006 Alberto Gilardino e del difensore del Chievo Dario Dainelli. Una cornice perfetta per presentare la nuova collezione e aprirsi al numeroso pubblico accorso a Firenze in occasione di Pitti.

Letto 518 volte

CookiesAccept

Attenzione: Questo sito utilizza cookies

Procedendo nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Da Wikipedia)