Connect with us

Basket / Serie A

Quanta grinta per questo Pistoia Basket: ko con onore contro Venezia

L.J. Peak, uno dei migliori contro Piombino (Foto/Bonelli)

Sale di tono il Pistoia Basket di Alessandro Ramagli nel secondo tempo. A ridosso del 30′ pareggia con Bolpin e se la gioca alla pari con Venezia dell’ultimo quarto. Top-scorer Pechacek con 24 punti

Un secondo tempo in cui il Pistoia Basket ha letteralmente messo il cuore sul parquet. Dal -15 dei primi secondi della ripresa a giocarsela alla pari con la Reyer Venezia è stata questione di “guardarsi negli occhi” nello spogliatoio, per dirla alla Ramagli (l’intervista post gara sulla nostra pagina Facebook).

La OriOra è uscita sconfitta 74-79 contro Venezia nella seconda semifinale del Trofeo Lovari di Lucca e sabato 8 settembre affronterà la Torino di Larry Brown per il terzo e il quarto posto.

C’è un’altra grande notizia: al momento della presentazione del roster il capitano era Gianluca Della Rosa.

LA TRAMA DELLA GARA

Le riflessioni estive si proiettano sul parquet del PalaTagliate lasciando dubbi che solo il lavoro dello staff tecnico durante la stagione potrà toglierci dalla testa. Quando giocano i titolari il Pistoia Basket se la gioca ad armi pari anche con Venezia (rimaneggiata, sia chiaro), con le riserve il lavoro si fa più duro. Nella semifinale del Trofeo Lovari mancano poi Krubally e Auda e sotto canestro la forbice è ancora più ampia.

La OriOra regge il primo quarto, chiuso 19-17, con un Pechacek sugli scudi che in avvio tiene a galla i biancorossi. Pistoia mette la testa avanti per due volte con Dominque Johnson ma Bramos regala alla Reyer il vantaggio (12-14) a 2’ dalla sirena e non cambia più niente.

Il divario si dilata nei secondi 10 minuti, quando il Pistoia Basket resta a secco per troppo tempo. Segna solo Pechacek ma a distanza di cinque minuti, anche troppi per Venezia che si porta senza sforzi sul 32-19.

Sulle ali di un dinamico Peak i pistoiesi si destano e piazzano un break di 11-5 che a 1’13” dalla pausa lunga li tiene in gioco: 37-30, frutto anche di qualche buona difesa e due sfondamenti subiti. Sarebbe bello andare negli spogliatoi così ma Venezia sfrutta le ingenuità e chiude 42-30.

Superlativo il terzo periodo. La OriOra passa dal -15 iniziale (30-45) al 56-56 del 28’ con tripla di Bolpin. Dopo il 39-51 di De Nicolao a metà terza frazione, il Pistoia Basket è salito di tono in difesa e a suon di contropiedi ha costruito il primo break di 9-0 (48-51 a 2’43” dalla sirena). Watt ha provato a tirar su la Reyer ma Pistoia non ha mollato un centimetro dietro, attaccando con pazienza fino al 61-57 in favore dei lagunari del 30’.

Il buon momento della squadra di Ramagli si protrae nell’ultima decisiva frazione. Al 35’ Pistoia insegue tre lunghezze (68-71) prima che Bramos insacchi un’altra tripla, emulato da Giuri poco dopo per i titoli di coda.

PISTOIA BASKET: UN GIUDIZIO SUI SINGOLI

Il più propositivo è risultato Pechacek, anche miglior marcatore della gara con 24 punti (+ 8 rimbalzi). Fin dalle prime battute ha spiccato Dominique Johnson, autore di 14 punti, 2 rimbalzi e 3 assist in 31′ di gioco (il più utilizzato). In generale una buona risposta del gruppo a una Venezia con qualche assenza ma sempre di assoluto valore: coraggio, grinta e voglia di fare non sono mai mancati. E alla fine i tifosi hanno risposto con un sentito applauso.

Nel secondo tempo sono migliorate le prestazioni di tutti gli interpreti, soprattutto di Riccardo Bolpin (visto anche come play) e Martini, che una volta bucata la retina hanno preso fiducia e giocato con più scioltezza. Era la prima uscita per Kerron Johnson, chiaramente limitato dal dolore al piede e da un’intesa con i compagni tutta da costruire. Ordinaria amministrazione per lui, che andrà giudicato più avanti.

Molto bene, di nuovo, L.J. Peak. Scorribande in attacco e rapidità di mani e di gambe in difesa, che gli hanno permesso di volare a più riprese in contropiede. Finendo per deliziare il pubblico del PalaTagliate con una “360” a due mani. Per lui 15 punti, 7 rimbalzi e 3 assist. Per l’Umana quasi 40 punti in due tra Bramos (4/7 da tre) e Watt (19 punti).

IL TABELLINO

OriOra Pistoia – Umana Reyer Venezia 74-79

Pistoia: Della Rosa 2, Johnson K. 4, Peak 15, Johnson D. 14, Querci, Martini 6, Bolpin 7, Riisma ne, Di Pizzo 2, Severini, Ani ne, Pechacek 24. All. Ramagli

Venezia: Haynes 9, Stone, Bramos 18, De Nicolao 4, Jerkovic ne, Washington 5, Giuri 11, Mazzola 5, Kyzlink 3, Cerella, Watt 19, Todic 5. All. De Raffaele

Parziali: 17-19, 42-30, 57-61

  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pagine: 1 2

Di giorno studia Lingue e Letterature Straniere e Moderne all'Università di Bologna, di notte scrive per il suo quotidiano online preferito, Pisoiasport.com. Giornalista pubblicista, se la cava come addetto stampa.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + 13 =

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com